PROFUGHI BLOCCANO STRADA: NIENTE SPIAGGIA PER TURISTI

Condividi!

Strada per il mare bloccata: a decine di turisti è stato impedito di raggiungere le spiagge. Tutti in coda a causa della protesta di un gruppo di fancazzisti africani nel nord Sardegna.

Una decina di finti profughi, tutti sudanesi (siriani ad honorem), ha infatti invaso la carreggiata che da Trinità d’Agultu porta all’Isola Rossa, rinomata località turistica a cavallo tra la provincia di Sassari e la Gallura, bloccando la circolazione.

All’origine della protesta, la volontà di lasciare al più presto la Sardegna. Ma lì, li ha scaricati Renzi per ripopolare l’isola.

Il traffico è rimasto bloccato a partire dalle 13 e per circa due ore. Poi i carabinieri e gli agenti del commissariato di Tempio Pausania, intervenuti sul posto con calma, hanno convinto – hanno convinto! – i fancazzisti a desistere.

Il gruppo fa parte dei 44 sudanesi sbarcati ieri all’aeroporto di Olbia, provenienti da Genova, e destinati ad essere ospitati nel residence di Trinità d’Agultu La Paduletta. Smistati nel nord Sardegna anche i 43 migranti arrivati in nave la settimana scorsa a Porto Torres.

E mentre i sudanesi bloccavano i turisti, oggi pomeriggio nello scalo di Cagliari-Elmas atterrava un volo con a bordo altri 50 stranieri provenienti dai centri di accoglienza di Ventimiglia.

La Questura aveva predisposto all’aeroporto un servizio d’ordine e uno per il trasferimento nelle varie strutture dell’Isola, probabilmente a Cagliari e Oristano. A disposizione una serie di autobus per il trasferimento in alberghi e agriturismo.

Renzi delenda est.




Lascia un commento