Bergoglio: non una parola contro gli animali sfruttati in gabbia

Condividi!

“Sapete far nascere il sorriso di un bambino, illuminare lo sguardo di una persona sola, rendere gli uomini più vicini gli uni agli altri, e anche potete spaventare il Papa nel carezzare, ma siete potenti, eh?”.

Il saluto di Bergoglio ai partecipanti al giubileo dello spettacolo itinerante, alcune migliaia ricevuti in aula Paolo VI, e che prima gli avevano portato ad accarezzare una tigre.

Bergoglio ha ricordato i “pregiudizi” di cui talvolta sono vittima questi artisti.

Dio non ha creato le tigri perché stessero in gabbia, e nemmeno gli uomini perché stessero al guinzaglio di sepolcri imbiancati.




Lascia un commento