BATTAGLIA CAMPALE A SIRTE: BAGNO DI SANGUE ISLAMICO

Condividi!

“Sirte sarà liberata nei prossimi giorni e non ci vorranno settimane”.

Lo ha assicurato all’ANSA il portavoce dell’operazione per la liberazione della città in mano a Isis, il generale Mohamed al Ghasri, precisando che le “milizie si stanno scontrando violentemente con i terroristi”, mentre “i cecchini sparano dai tetti”.

La “situazione è difficile”, ha aggiunto, “i jihadisti non sono fuggiti e sono ancora asserragliati a Sirte, nella sala Congressi Ouagadougou”, il loro quartiere generale.

Non abbiamo alcuna fiducia nelle ‘milizie libiche’, anche se pensiamo ci siano militari occidentali ‘in zona’. Non sarà così facile eliminare ISIS dalla Libia.

Intanto, Isis ha rivendicato i due attentati suicidi a Baghdad e a nord della capitale irachena. Le vittime, tra morti e feriti, sarebbero oltre 91.
Il primo attacco compiuto a Nuova Baghdad ha ucciso 15 persone, raggiunte dall’esplosione vicino a una zona di negozi.
L’altro attentato è stato compiuto all’ingresso di una caserma dell’esercito a Taji dove sono state uccise 12 persone, sette civili e cinque militari.




Lascia un commento