Famiglia cacciata di casa da Comune per fare spazio ai profughi

Condividi!

Il progetto di Grande Sostituzione etnica dei popoli europei è ormai evidente a chiunque non abbia una visione deformata della realtà. Non si nascondono più.

Arrivano a cacciare di casa famiglie autoctone per mettere in casa loro famiglie di cosiddetti profughi: è il Piano Kalergi nella sua più pura applicazione.

A Lidingö, in Svezia, scrive il giornale locale, la famiglia di Uffe Rustan – padre e due figli – è stata ‘invitata’ a lasciare la casa popolare per fare posto ad una famigliola di cosiddetti ‘rifugiati’.

svedesi

I figli, di 15 e 17 anni sono tristi. Ricordano ancora il giorno in cui è arrivata la telefonata del Comune: “Cercavano nostro padre, volevano che richiamasse”.

“Siamo stati sfrattati da casa al telefono. Quando ho chiesto il motivo, hanno detto dobbiamo fare posto a gente che viene da altri paesi. Poi mi hanno augurato buon weekend”, ha detto Uffe Rustan al giornale.

“Mi sento impotente, anche se io pago le tasse e i miei figli vanno a scuola qui. Non si può mettere una famiglia per strada per fare posto ad un’altra famiglia”.

Non crediate che non stia per avvenire anche in Italia. Sta già avvenendo.




Lascia un commento