Commissione Antimafia si copre di ridicolo

Condividi!

La commissione Antimafia si è coperta di ridicolo. Il candidato sindaco di Roma che, secondo la segnalazione della commissione fu tratto in arresto in flagranza nel 2013, è Simone di Stefano candidato sindaco di Casapound.

Ma per quale motivo? Di Stefano fu condannato a tre mesi di reclusione e al pagamento di una multa di cento euro in relazione alla sottrazione della bandiera Ue avvenuto il 14 dicembre 2013 nel corso di un blitz nella sede dell’Unione europea a Roma.

Un atto politico, non un furto. Oltretutto un atto politico che tutti noi dovremmo fare: prendere le bandiere UE presenti in tutta Italia e bruciarle in un immenso falò contro la eurodittatura.




Lascia un commento