Polizia: “Profughi stuprano perché donne europee troppo svestite”

Condividi!

La polizia svedese, per l’ondata di attacchi sessuali da parte dei migranti – soprattutto i nuovi arrivati ‘profughi’ – ha accusato la ‘cultura nordica alcoolica’ e il ‘non tradizionale ruoli di genere delle donne europee’.

Il rapporto dice che i rifugiati hanno difficoltà a ‘gestire l’alcool’ e non comprendono gli atteggiamenti delle ragazze locali, considerati: per loro, un sorriso è l’invito al sesso.

Per la polizia svedese, è normale per i migranti apostrofare le ragazze per strada come ‘puttane’ e inseguirle, perché i migranti lo vedono come un modo di ‘dimostrare il loro potere sulle donne’.

Il ‘rapporto’ di polizia analizza l’attuale situazione di molestie sessuali: “Il controllo viene esercitato sulle donne attraverso la violenza. Durante l’esercizio della violenza, gli uomini possono sentirsi di incarnare il maschio tipico”.

Quando il femminismo nordico incontra l’immigrazione islamica genera mostri.




Lascia un commento