AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

*ISIS sperimenta armi chimiche e batteriologiche su prigionieri*

Vox
Condividi!

Lo Stato Islamico ha spostato i suoi laboratori di armi chimiche  in aree residenziali densamente popolate per evitare che vengano prese di mira da attacchi aerei e le sta testando sui propri prigionieri.

Il gruppo islamico è noto per avere  ambizioni chimiche e nucleari , e sta cercando di fabbricare armi non solo per gli attacchi in Iraq e Siria, ma anche nelle capitali europee.

Ha una unità speciale per la ricerca di armi chimiche composta da scienziati iracheni che hanno lavorato a programmi di armi chimiche e nucleari al tempo di Saddam Hussein, così come esperti stranieri.

Il capo dell’unità, Sleiman Daoud al-Afari, è stato catturato durante un raid delle forze speciali fuori Mosul in marzo e ora pare stia collaborando.

Un’indagine giornalistica ha rivelato che è stato ora sostituito da Abu Shaima, uno scienziato iracheno che ha lavorato presso l’Università di Baghdad durante il regno di Saddam.

Vox

I laboratori principali sono stati spostati dalle università di Mosul e Tel Afar verso aree residenziali.

I residenti di al-Mohandseen – che era un quartiere cristiano ricco fino all’invasione di ISIS – hanno detto che molte case sono state sequestrate dai funzionari Isis nelle ultime settimane. Un certo numero di grandi camion senza insegne sono stati parcheggiati in zona e, più recentemente, hanno riferito di aver visto decine di cani morti e conigli in contenitori per rifiuti nelle vicinanze.

Un insider confermato ai giornalisti, che hanno condiviso le informazioni con il Telegraph, che erano stati gettati dopo che sono stati utilizzati per testare armi chimiche.

Il rapporto ha anche sostenuto che ISIS sta effettuando esperimenti sui prigionieri che sono in un carcere segreto ad al-Andalus, nel governatorato di Ninive, Mosul, esponendoli al cloro e gas mostarda per testarne la tossicità.

I residenti nei pressi della prigione hanno segnalato difficoltà respiratorie e bambini in via di sviluppo gravi eruzioni cutanee: che sono alcuni degli effetti collaterali di esposizione a tali sostanze.