Alfano: “Legge non prevede utero in affitto”

Condividi!

“Lo dico con il rispetto che ho sempre avuto e continuerò ad avere del cardinale Bagnasco, ma la sua interpretazione della legge sulle unioni civili, come lasciapassare per l’utero in affitto, non corrisponde a quanto in quella legge c’è scritto”. Lo dichiara, con il solito ‘lecchinismo’ il ministro Angelino Alfano, commentando le critiche del presidente ella Cei.
“Nella legge che abbiamo votato – sottolinea – le unioni civili sono un nuovo istituto nettamente e non nominalisticamente diverso dal matrimonio, non sono previste le adozioni per le coppie omosessuali né nella forma diretta né nella forma indiretta della stepchild adoption. Meno che mai si accenna all’utero in affitto che non potrà certo essere in futuro introdotto nella nostra legislazione in base a questa norma. Di questo i tribunali dovranno tenere necessariamente conto”.

Bugia. La legge lascia il tutto aperto alle interpretazioni dei giudici. Che sappiamo dove pendono, non certo dalla parte della giustizia o dei bambini. Infatti, subito dopo l’approvazione, c’è stata una serie di sentenze a favore dell’adozione di bambini da parte di ‘coppie’ gay.

E se l’utero in affitto è vietato, perché nessun magistrato indaga Vendola o il senatore del PD che con Alfano ha votato la legge?




Lascia un commento