Cascina: proteste contro agriturismo dei finti profughi

Condividi!

Protesta di alcuni militanti di Forza Nuova, arrivati da più zone della Toscana, in via Santa Maria a Cascina, nei pressi dell’agriturismo che è stato trasformato in un centro di accoglienza per fancazzisti africani. Insieme ai manifestanti sono arrivati anche polizia e carabinieri, che si spera arrivino con altrettanta solerzia, quando i ‘migranti’ commetteranno reati.

Si è trattato di una delle tante iniziative di protesta contro i finti profughi e gli affaristi che li ospitano. Gli stessi che vincono appalti in tutta la Toscana.
Intanto, rispetto ai numeri che erano stati diffusi nei giorni scorsi, è emerso che a Cascina ci sono i 70 finti profughi che sono passati alla ‘seconda fase’ dell’accoglienza, e vivono da tempo in piccoli gruppi in via Pratello a Titignano e in via Nievo a Cascina.




Lascia un commento