REGIONE LOMBARDIA: SOLDI AI PROFUGHI PER CORSI DI COMPUTER

Condividi!

Nuove marchette per i richiedenti asilo politico a Cremeno, Lombardia. Giocheranno al computer grazie alle borse regionali di «Garanzia giovani». Progetto unico nel suo genere destinato a migranti regolari ma senza ancora una risposta alla richiesta d’asilo: quindi clandestini. Sono undici i giovani fancazzisti africani che, per la prima volta seduti davanti a un pc, questa settimana hanno iniziato le 40 ore di lezione che li porteranno ad ottenere un attestato di informatica: a spese dei lombardi.

La classe è esclusivamente composta dai ragazzi affidati alla Domus Caritatis – sì, quella di invischiata in Mafia Capitale con interessanti allacci:

I finti profughi sono accolti a Maggio di Cremeno o a Torre de Busi e sono provenienti da Nigeria, Mali, Guinea e Senegal.

«La ricerca di corsi professionali e l’assistenza nella ricerca di un lavoro non rientra nelle nostre funzioni – spiega Giuseppe Ranu, direttore del centro di Cremeno –, ma aiutarli anche in questo senso è doveroso per il loro percorso di integrazione. Abbiamo così proposto il progetto agli ospiti più volenterosi e con un buon italiano che hanno accettato con entusiasmo».

«Ci siamo rivolti a diverse agenzie, non solo a Lecco, e ci hanno risposto positivamente Omnia Language e Global Form. Con loro ci siamo mossi per attivare la «Garanzia giovani» offerta dalla Regione Lombardia. La procedura è ormai consolidata nel caso di stranieri che hanno ottenuto il diritto d’asilo, mentre è la prima volta che il finanziamento regionale viene attivato per migranti regolari ma sulla cui permanenza nel territorio manca ancora il responso del tribunale. L’auspicio è che la loro volontà di integrarsi e l’impegno nel cercare un lavoro possa aiutarli anche sotto questo aspetto».

Vox non fa sconti a nessuno. E’ per questo che ha solo nemici. Quindi chiediamo a Salvini cosa ne pensa dei soldi dei contribuenti lombardi che finiscono a finanziare le marchette ai finti profughi sotto la dicitura ‘garanzia giovani’: è quello che fa Renzi tra le proteste della Lega. Quindi la Lega ritiri questa oscenità dove governa.

Vox ha una certa idea di come la cosa abbia preso il via: la Domus Caritatis è la longa manus di Comunione e Liberazione nel business dei finti profughi, CL è l’azionista di maggioranza di NCD, il partito di Alfano, rappresentato in Lombardia e a Milano dall’ex ministro Lupi. La Lega governa in Regione con NCD e appoggia lo stesso candidato sindaco per Milano.

E’ vero che la politica è l’arte del compromesso. Ma non delle marchette.




Lascia un commento