Giuliano, italiano, vive sotto le finestre del sindaco che alloggia immigrati

Condividi!

Nella Cagliari di Zedda, se sei sardo, senza lavoro o senza soldi per pagarti un alloggio, finisci in strada, mentre ‘il primo immigrato che sbarca’, finisce per avere vitto e alloggio gratuito, tutto pagato dai contribuenti, e con il sindaco che gioisce perché, dice lui, “fanno crescere la popolazione di Cagliari”. Anche le zanzare, fanno crescere la popolazione.

Dal giornale locale:

Giuliano dorme qui, a 20 metri dall’ufficio del sindaco Zedda. Ha 58 anni, è di Sestu, l’invisibile della notte. Invisibile davvero, ma soltanto per colpa dell’indifferenza. Perchè è davvero strano che gli operai mandati dal Comune per lo spazzamento delle strade lavino i portici di via Roma gettandogli quasi l’acqua addosso. Come se lui non esistesse, soltanto perchè è un clochard, condannato al freddo. Vecchi e nuovi poveri dimenticati.




Lascia un commento