Virginia Raggi e la triste scusa dell’Unità

Condividi!

Non ci siamo occupati della vicenda, era piuttosto penosa. Ci occupiamo, invece, della delirante scusa del direttore dell’Unità Erasmo D’Angelis.

Per chi si fosse perso, giustamente, la vicenda, venerdì scorso l’Unità ha ripreso un pettegolezzo circolato su Twitter, secondo il quale la candidata a sindaco di Roma per il M5S, Virgina Raggi, era tra le persone che comparivano in un vecchio video di sostenitori di Berlusconi. Tutto per una vaga somiglianza.

«Non avete pensato ad una rettifica quando la Raggi vi ha smentito?
«No, perché non è un’operazione politica, ma è giornalismo 2.0».
Vuol dire che non si fanno più verifiche?
«Voglio dire che la comunicazione social punta molto sulla quantità e sulla velocità. Sono sicuro che anche il Corriere.it avrebbe caricato il video».
Ma lei non crede che potevate controllare?
«La somiglianza è oggettiva e i social pieni di “smanettoni” che segnalano foto e video. Questo è accaduto».
Ha richiamato il responsabile del suo sito?
«No, perché ha fatto bene a pubblicare quel video».
Ha fatto bene a pubblicare una «bufala»?
«Il web ha modificato profondamente il giornalismo, sui siti e sui social gira di tutto».

Ovviamente, l’Unità ha la sua pagina su Facebook e ospita le vaccate dei bimbominkia di Bufale.qualcosa, Vox no.




Lascia un commento