Carita$: “Milano si prepari ad accogliere migliaia di Africani”

Condividi!

“La storia europea dello scorso secolo ci ha insegnato che i muri non servono ad arginare la disperazione delle persone … e se non ci sarà un’inversione di marcia a livello europeo e nazionale, molto probabilmente il capoluogo lombardo avrà a che fare con un’emergenza umanitaria ancora più grave di quella dei mesi successivi all’ottobre 2013: perché non sarà più raggiunto da migranti in transito verso i Paesi del Nord, ma da persone che chiederanno asilo in Italia e dunque si fermeranno da noi. Occorre farsi trovare pronti e preparati”. Lo afferma Luciano Gualzetti, direttore di Carita$ Ambrosiana, che già si lecca i baffi.

Ovviamente sono tutte menzogne. I muri arginano le invasioni, basta vedere l’Ungheria. O Israele, che ha azzerato gli ingressi di Africani. Ma i manager di Carita$ devono spargere la bugia che non servano, altrimenti il business ne risentirebbe.

“Fino ad ora Milano ha fatto la sua parte – ha detto ancora Gualzetti – sarebbe interessante e molto utile sapere dai candidati alla guida della città, se e come intendono affrontare la situazione, visto che l’accoglienza dei migranti sarà una delle priorità che il nuovo sindaco, chiunque esso sia, dovrà affrontare probabilmente già nei primi 100 giorni di governo”.

Non sono preti, sono criminali che vogliono distruggere la vostra vita e le vostre città.




Lascia un commento