Magistrati danno bambini a 2 lesbiche, continua lo scempio

Condividi!

Altra marchetta arcobaleno. La Corte d’Appello di Napoli ha ordinato la trascrizione di due sentenze del Tribunale civile di Lille (Francia) con le quali si riconosceva l’adozione reciproca di due bimbi figli di due lesbiche residenti in provincia di Avellino che si sono sposate in Francia.

Una barzelletta. Ora abbiamo tribunali italiani che obbligano di riconoscere leggi straniere: abominevole.

I documenti dei due poveri bambini dovranno essere trascritti presso i registri anagrafici del comune di residenza. A presentare il ricorso è stata la fondatrice ed ex presidente delle famigerate Famiglie Arcobaleno, e la sua cosiddetta compagna.

Avevamo detto che la Cirinnà, anche così formulata, permetteva ai magistrati militanti di dare i bambini ai gay e alle lesbiche. Che ora hanno i loro ‘bambolotti’. Tutto questo avviene ‘grazie’ al finto cattolico Alfano, che segue una sola religione, questa:

POLTRONARA

La società va dritta verso la propria autodistruzione. Il nostro compito è accelerare questa autodistruzione per edificarne una migliore.




Lascia un commento