Parla il maggiordomo di Kalergi, sindaco di Riace a tempo perso

Condividi!

Già ieri abbiamo data notizia della premiazione del sindaco a tempo perso di Riace: Miliardari premiano sindaco Riace per partecipazione a Piano Kalergi

“Da quando ha accolto un veliero con a bordo tantissimi profughi (clandestini ndr), Riace è diventata una rotta fissa di navi. Mi sono sempre immedesimato in questa povera gente. L’aiuto ai migranti è diventata la ragione della mia esistenza. Mi hanno toccato la coscienza”. Lo ha detto il sindaco di Riace, Domenico Lucano, in un’intervista al Tg2000, i marchettari del Vaticano. Un fanatico, siamo nel campo della psichiatria, non della politica.

“Abbiamo utilizzato le case del centro storico – ha raccontato il sindaco di Riace – per trasformarle in centri d’accoglienza. Abbiamo fatto assolutamente l’impossibile per i migranti e dato una risposta chiara trasmettendo un messaggio d’umanità: è possibile una dimensione alternativa ai ghetti, alle barriere e ai cancelli”. “Come Comune – ha proseguito il sindaco – ogni anno dobbiamo fare i conti con i minori trasferimenti economici dello Stato. Per far quadrare il bilancio facciamo una fatica enorme perché abbiamo sempre delle penalità. E per dare risposta all’emergenza sbarchi e all’accoglienza dei migranti e trovare le risorse necessarie ho dovuto anche sforare il Patto di stabilità”. E noi paghiamo il suo fanatismo.

In una società sana, un individuo del genere lo si interna perché non nuoccia alla collettività, invece, visto che non siamo una società sana, sgoverna una città e danneggia tutti.




Lascia un commento