Stupri di Colonia: ecco il volto di un altro profugo molestatore

Vox
Condividi!

Questo volto, purtroppo non completamente visibile, per le demenziali leggi tedesche sulla privacy, è il volto di un nuovo arresto per gli stupri di Capodanno a Colonia. E’ algerino, ed è “richiedente asilo”: è accusato di reati sessuali.

Farouk B., un 26 enne profugo e dieci altri, di cui solo tre sono stati identificati, hanno sessualmente molestata una donna tedesca e le hanno rubato il telefono cellulare, la sera del 31 Dicembre 2015, nel centro di Colonia.

Secondo l’accusa, il “richiedente asilo” e i suoi 10 complici hanno circondato la donna circa alle 1:30 del mattino presso la principale stazione ferroviaria di Colonia.
Hanno afferrato la vittima palpandola su tutte le parti del corpo. Solo la sua reazione ha evitato che le strappassero i vestiti di dosso.

Vox

Farouk B. poi ha afferrato il suo telefono cellulare, mentre suo fratello, Adberahemane B., ha afferrato l’iPhone di un’altra donna.

Quando i dati GPS dei telefoni sono stati tracciati nel mese di gennaio, hanno portato la polizia ad un centro per richiedenti asilo di Kerpen, a ovest di Colonia. Lì, in tre sono stati arrestati in possesso dei telefoni, e sono in custodia da allora.

E’ emerso anche che Faruk B. e suo fratello erano stati arrestati solo due settimane prima di Capodanno per aver tentato di entrare in un veicolo parcheggiato con una sbarra di ferro.

Ricordiamo: gli stupri e le molestie hanno visto oltre 1.000 donne vittime di immigrati-profughi-clandestini. Si chiama Taharrush Gamea: