Il terrorista col cappello individuato: è attivista per diritti degli immigrati – VIDEO

Condividi!

E’ Faysal Cheffou il terzo terrorista islamico, quello con il cappello nero nelle immagini delle videocamere, che ha partecipato alla strage dell’aeroporto di Bruxelles martedì scorso. Lo scrive il quotidiano belga Le Soir sottolineando che comunque ancora non è arrivata una conferma dalla Procura. Cheffou, attivista contro la ‘islamofobia‘ e giornalista, è stato fermato giovedì sera e il suo arresto è stato confermato ieri dopo un lungo interrogatorio. E’ stato identificato grazie alla testimonianza chiave del tassista che martedì aveva accompagnato il commando a Zaventem.

terroristibru1

Intanto, si apprende che il terrorista arrestato ieri pomeriggio durante un blitz è Abderahmane Ameroud, già condannato a 7 anni di carcere per complicità in un precedente assassinio.

Faysal Cheffou, il terrorista con il cappello, è un attivista dei diritti degli immigrati. Apparve, nel 2014, in un video nel quale denunciava il trattamento dei migranti islamici nei centri di detenzione. Ricorda qualcuno?

Più di un anno anno fa, su un canale Youtube, pubblicava un video in cui denunciava maltrattamenti sui migranti clandestini musulmani detenuti nel centro 127 bis in Belgio, precisamente, fatalità del destino, a Steenokkerzeel , un villaggio a pochi chilometri a est di Bruxelles, nei pressi di Zaventem. Nel filmato, il giornalista-terrorista spiegava come nel centro i pasti venivano serviti tre volte volte al giorno, l’ultimo dei quali alle 19. Orario che andava contro alle regole del Ramadan, che permette – come spiega anche Cheffou – di mangiare solo dopo le 22. Nel video, l’attivista e reporter indipendente denuncia una vera e propria “violanzione dei diritti umani degli islamici”, obbligati a giorni di digiuno e privi di ogni assistenza. Su Youtube, Cheffou inviato sul campo “nella prigione per rifugiati” fa un appello alle persone che difendono la dignità umana. Illustra come quello che subiscono i profughi sia disumano, mentre gli immigrati musulmani, inquadrati dalla telecamera, cercano di spaccare vetri e finestre per trovare la fuga.




Un pensiero su “Il terrorista col cappello individuato: è attivista per diritti degli immigrati – VIDEO”

  1. Macchè diritti islamici.La cena se la poteva benissimo scaldare dopo le 10 e mangiarsela.Quello che manca non è il sale,è il buonsenso.Per quanto riguarda i diritti degli immigrati,quando vedo certe persone per bene,chissà perchè mi torna in mente il lanciafiamme……Se ne vada a fanculo.

Lascia un commento