ISIS stava per rapire direttore ricerca nucleare belga: obiettivo centrale nucleare

Condividi!

I terroristi islamici che hanno colpito Bruxelles stavano preparando un attacco contro una centrale nucleare e avevano registrato 12 ore di filmati di ricognizione.
La cellula ISIS stava spiando il capo del sistema nucleare del Belgio, possibilmente come parte di un piano di rapimento per costringerlo poi a farli entrare in una struttura atomica, secondo il quotidiano Derniere Heure.

Ore di ripresa della casa del direttore di ricerca e sviluppo del programma nucleare belga e del suo pedinamento sono stati scoperti in un appartamento a Bruxelles nel quale ha fatto irruzione la polizia anti-terrorismo dopo l’attacco a Parigi. Questo ha fatto precipitare la situazione e scattare l’operazione che poi ha portato all’arresto di Salah e al successivo attacco islamico di rappresaglia.

Questo non ha nulla a che vedere con la presunta notizia diffusa in Italia di un ‘avviso’ dei servizi segreti marocchini non raccolto dall’intelligence belga.

BELGIO: EVACUATA CENTRALE NUCLEARE, PAURA ATTACCO
Evacuata la centrale nucleare di Liegi. L’impianto nucleare di Tihange, a Liegi, in Belgio, è stato evacuato. Lo riferisce l’emittente belga Vtm.

Un ordigno inesploso all’interno di un giubbotto appartenente a un terzo terrorista è stato trovato all’aeroporto di Bruxelles: lo riferisce l’emittente Vtm, precisando che gli artificieri hanno fatto brillare l’ordigno.

Sale a 34 morti il bilancio degli attentati a Bruxelles: lo riferisce l’emittente belga Vrt. Ci sono state quindi almeno 20 vittime in metropolitana mentre 14 nello scalo.

“Ci sono diverse persone ancora bloccate alla stazione della metropolitana di Maelbeek”. Lo ha detto il ministro della Sanità Maggie De Block, secondo quanto riportato dal giornale La Libre Belgique.

La polizia belga continua a ispezionare lo scalo di Zaventem, dove “la minaccia è considerata ancora attuale”. Gli agenti, fanno sapere i media belgi, non sono convinti che tutti i terroristi siano usciti dall’aeroporto.




Lascia un commento