Bonino avvisa: “Abbiamo bisogno di immigrazione di massa”

Condividi!

“Chiudere i confini per bloccare l’arrivo di rifugiati? O l’Europa torna in sé o la disgregazione europea, a partire da Schengen, è veramente alle porte”. Solo una come la Bonino, lautamente finanziata da Soros può definire l’orda ai nostri confini ‘rifugiati’.

La storica aspirabambini, intervistata da LaPresse, è stata nelle zone della Turchia al confine con la Siria, dove ci sono i campi profughi. E sostiene che l’Immigrazione di massa è un fenomeno destinato a rimanere con noi al di la delle guerre. Guerre come quelle nella Siria, distrutta. Bonino ha toccato con mano il fatto che chi fugge dai conflitti per un pò cerca di restare vicino a casa in Giordania, Libano, Turchia, nella speranza di poter tornare, ma “quando dopo 4/5 anni perde questa speranza non c’è piu’ muro che tenga”.
L’ex ministro degli Esteri Bonino parla di milioni di rifugiati e – sottolinea- “non di migranti economici, ma rifugiati che vengono da Iraq, Afghanistan, Siria, Eritrea”. L’Unhcr (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ) ha detto che sono 60 milioni nel mondo gli sfollati e richiedenti asilo, gli apolidi per causa di forza maggiore e i sopravvissuti in fuga. “E per quanto riguarda il movimento africano solo uno su dieci bussa alle porte dell’Europa. – ha già fatto notare Bonino – Alla fine della seconda guerra mondiale i profughi furono 15 milioni nel mondo”.
Bonino chiama in causa la responsabilità del continente europeo, “il piu ricco al mondo, con 500 milioni di abitanti in declino demografico, un continente che – ha ricordato più volte – non riesce ad affrontare un problema che riguarda un milione di persone”.

Una donna confusa. Oltre ad essere una criminale. Intanto, ricordiamo perché l’Italia è in ‘declino demografico’, uno dei motivi è che ci mancano quei 2 milioni 6 milioni di bambini morti prima di nascere, che a loro volta avrebbero fatto figli. Al loro omicidio di massa ha partecipato anche questa criminale, che viene intervistata come fosse un oracolo, e lo è, ma un oracolo di morte:

bonino-aborto-con-pompa-bici

Oltre questo. La rivoluzione della robotica sta rendendo l’immigrazione obsoleta. Il declino demografico non sarà, a medio lungo termine, un male, perché entro il 2025, i robot occuperanno quasi la metà dei lavori manifatturieri del mondo.

Secondo uno studio della Bank of America , il 45% della produzione di tutto il mondo sarà fatta da macchine.

I robot più avanzati stanno guadagnando capacità in destrezza, ‘intelligenza’, grazie ad accelerati  progressi nella visione artificiale, intelligenza artificiale, comunicazione machine-to-machine, nei sensori e negli attuatori, “, ha scritto un rapporto del McKinsey Global Institute.

Che conclude: ” Questi progressi potrebbero rendere pratico sostituire con i robot il lavoro umano in più attività di produzione, oltre che in un numero crescente di lavori nei servizi, come la pulizia e la manutenzione.”

Allora perché alcuni politici vogliono ancora l’immigrazione di massa in paesi occidentali? Non certo perché servono all’economia. Perché vogliono la destrutturazione sociale dell’Europa e delle nazioni bianche. Un lavoro nel quale Bonino, e il suo finanziatore Soros, sono impegnati da decenni.




3 pensieri su “Bonino avvisa: “Abbiamo bisogno di immigrazione di massa””

  1. Magari fossero stati 2 milioni – che sono sempre un’enormità – gli aborti praticati in Italia dall’entrata in vigore della criminosa legge n. 194/1978. Le statistiche ufficiali parlano di quasi 6 milioni di interruzioni “volontarie” di gravidanza dal 1978 ad oggi, 6 milioni di italiani veri a cui é stato impedito di nascere, 6 milioni di giovani che ci mancano per assicurare il regolare riccambio generazionale. Una vera e propria strage degli innocenti oltre che uno crimine attuato ai danni della Nazione.

Lascia un commento