Clandestini islamici bloccano ferrovia: “Aprite frontiera immediatamente”

Condividi!

SKOPJE – Un gruppo di clandestini asserragliati da giorni a Idomeni, in territorio greco, alla frontiera con la Macedonia, ha occupato oggi i binari di una linea ferroviaria che collega i due Paesi chiedendo alle autorita’ di Skopje di consentire loro l’ingresso in Macedonia e proseguire il viaggio di invasione lungo la rotta balcanica.

Sono oltre 10 mila gli islamici ammassati alla frontiera, che la Macedonia apre a intermittenza e con il contagocce facendo passare poche centinaia di persone al giorno, tante – dicono a Skopje – quanti sono gli ingressi consentiti dalla vicina Serbia. La tensione e’ sempre alta e la situazione si degrada di giorno in giorno.

Fonti della polizia greca, citate dai media, riferiscono di altri 4 mila migranti, trasportati lì da Tsipras, affollano centri di accoglienza di Nea Kavala, Hersa e Kilkisa. Una nave con quasi 600 persone a bordo e’ giunta nelle ultime ore al porto del Pireo, dove nelle prossime ore e’ atteso un traghetto con piu’ di 500 altri invasori a bordo.




Lascia un commento