Austria: “Non siamo sala attesa Merkel”

Condividi!

”L’Austria non e’ la sala d’attesa per la Germania”. Lo ha detto il cancelliere austriaco Werner Faymann, difendendo la politica del suo Paese, che ha posto un tetto limite all’accoglienza di 37.500 richiedenti asilo l’anno, e l’ingresso in Austria 80 cosiddetti profughi al giorno.

Faymann ha reagito in toni aspri alle frasi della Merkel, che in un talkshow domenica ha criticato la politica di Vienna: ”Chi e’ favorevole ai profughi, come i nostri vicini tedeschi, può prenderli direttamente dai centri di smistamento”. L’Austria e’ ancora a favore di una soluzione europea, ”ma il piano B non può consistere nel fatto che diventi una sala d’attesa della Ue”.

Merkel potrebbe pensare ad un Anschluss ‘umanitario’.




Lascia un commento