Svizzera boccia espulsione immigrati criminali, ma il Cantone Italiano la approva

Condividi!

L’iniziativa UDC (partito identitario svizzero) per l’espulsione degli immigrati che commettono reati è stata oggi respinta alle urne. Un risultato previsto dopo la promessa che sarebbe stata attuata la normativa precedente che ha obiettivi simili.

La proiezione SSR dà il no al 59%, un dato confermato anche dai risultati definitivi, che interessano finora dieci cantoni e che vedono i contrari al 56%.

Hanno votato sì finora solo tre cantoni: Obvaldo (al 52,6%), Uri (51,6%) e Nidvaldo (50,7%). Con questi – e con quelli che eventualmente si aggiungeranno – si vedrà allineare anche il Ticino, con un risultato ben più marcato: dopo lo spoglio di 131 comuni su 135 il sostegno è infatti al 59,3%.

I Grigioni hanno per contro optato per il no al 58,2%. Il fronte degli oppositori ha convinto anche Basilea Campagna, Zugo, Soletta, Argovia, Glarona e Appenzello Esterno.

Nelle prime reazioni gli esponenti UDC hanno chiesto il rispetto delle promesse avanzate dai contrari durante la campagna di votazione. Auspicano un’applicazione rigorosa della normativa decisa dal parlamento per mettere in pratica la prima iniziativa, quella del 2010.

Da evidenziare che il cantone italiano ha invece approvato l’iniziativa con oltre il 59 per cento dei si: una chiara controtendenza che dimostra l’identità di vedute degli Italiani da entrambi i lati del confine.

Anche l’altra iniziativa identitaria, quella del PPD “Per il matrimonio e la famiglia, no agli svantaggi per la coppie sposate” è stata bocciata, ma quasi per caso. La maggioranza dei cantoni ha detto di sì, ma la percentuale totale, il 50,8% di voti, è stata per il no.

I cantoni contrari sono stati otto: Appenzello Esterno, Grigioni, Basilea Campagna, Basilea Città, Zurigo, Vaud, Ginevra e Berna.
Il Ticino ha detto di sì con 77’876 voti (54,72%), il Grigioni ha detto di no con 40’535 (50,58%) schede.

Se si votasse in Italia, si avrebbero risultati vicini a quelli del Ticino. Non ci faranno votare proprio per questo.




Lascia un commento