Belgio chiude frontiera con Francia: teme ondata clandestini da Calais

Condividi!

Il ministro belga dell’Interno, Jan Jambon, ha annunciato un rafforzamento dei controlli alle frontiere con la Francia con 250-290 poliziotti al giorno in vista dell’evacuazione parziale del campo dei migranti la ‘Giungla’ di Calais.
Il motivo è ovvio: temono che i clandestini si trasferiscano tutti a Zeebrugge, una cittadina portuale sulla costa belga, che ha visto un picco di arrivi di clandestini che sperano di raggiungere il Regno Unito, già dopo il primo parziale sgombero di Calais.

Il porto di Zeebrugge, che gestisce un percorso P & O a Hull, ha registrato decine di profughi che hanno lasciato i campi di Calais e Dunkerque nel mese passato.




Lascia un commento