SEL e immigrati gridano sotto finestre cittadini: “Vogliamo più profughi”

Condividi!

GENOVA – SEL e frattaglie contro i comitati dei residenti di Quezzi. I primi vogliono gli immigrati nel quartiere. Gli altri no: sono preoccupati per l’arrivo di cinquanta clandestini, maschi, nel palazzo Ceis di via Edera.
Si tratta di richiedenti asilo, che al momento risultano ancora clandestini. Se alcuni genovesi sono scesi in strada con Forza Nuova a fare le passeggiate notturne della sicurezza, l’altro giorno quelli di sinistra e dei centri sociali sono scesi in piazza a favore dell’insediamento di altri immigrati in largo Merlo.

Durante la “manifestazione antirazzista” di un centinaio di persone – molti africani, evidentemente in attesa di rinforzi per lo spaccio – sono state sventolate le bandiere rosse, rullati i tamburi e cantate le strofe di balli africani gridando contro le finestre dei residenti.




Lascia un commento