Scattano foto, famiglia italiana arrestata negli Emirati: prigionieri

Condividi!

Fermati per aver scattato una foto a un sito petrolifero, madre e figlio di Lumezzane (Brescia) si trovavano a Khor Al Fakkan, negli Emirati Arabi Uniti.
Annalisa Pasotti e Pietro Bossini, dal 2 febbraio sono senza passaporto e quindi nell’impossibilità di rientrare in Italia.

I due si trovavano negli Emirati in vacanza in crociera con un viaggio, organizzato da Msc, toccava le località di Abu Dhabi, Dubai, Oman. La fotografia in seguito alla quale è stato attuato il provvedimento delle autorità locali era stata scattata durante un tour privato che la famiglia stava facendo a bordo di un taxi.

Con Annalisa e Pietro c’era anche il padre del giovane 33enne, nel frattempo riuscito a tornare in Italia. A complicare la situazione di madre e figlio c’è la disabilità del giovane, costretto sulla sedia a rotelle da una grave malattia. I due sono stati rilasciati in un secondo momento, ma sono ancora senza passaporto e quindi non possono lasciare il Paese.

La Farnesina ha confermato che i due italiani sono stati fermati e ha diffuso questa nota: “L’ambasciata d’Italia ad Abu Dhabi e il consolato generale a Dubai si sono immediatamente attivati verso le autorità locali e stanno prestando ai connazionali e alla loro famiglia tutta l’assistenza necessaria”. Visti i marò, e visto Renzi che negli EAU fa solo incetta di orologi, non torneranno tanto presto.




Lascia un commento