Fassino e Nardella: servizietto agli islamici

Condividi!

Maggiore conoscenza reciproca, rispetto delle regole, consapevolezza che le culture diverse sono un arricchimento e non una minaccia. Questi i punti cardine degli accordi che verranno firmati lunedì 8 febbraio prossimo a Firenze e Torino dai rispettivi sindaci Dario Nardella e Piero Fassino con i referenti musulmani delle due città. L’annuncio è stato fatto a margine del forum delle Città metropolitane in corso oggi a Palazzo Vecchio.

A Firenze Nardella incontrerà l’Imam Izzedin Elzir, presidente dell’Ucoii. “Vogliamo dare vita ad un impegno reciproco che veda l’amministrazione e la comunità musulmana coinvolte in un’azione di valorizzazione della cultura della legalità e della convivenza, e di informazione, promozione e condivisone delle nostre regole di convivenza civile che trovano fondamento nella Costituzione italiana”, commenta Nardella.

L’idea di un accordo di questo tipo era stata lanciata all’indomani degli attentati di Parigi. “La minaccia terroristica si sconfigge con la cultura e la conoscenza e con un’allenza vera tra Europa e i paesi arabi democratici – prosegue il sindaco di Firenze Nardella -. A Firenze abbiamo anche il progetto di una Scuola internazionale per il dialogo interreligioso”.

Ma si, tutti a scuola con i ragazzi di ISIS, e si risolve il problema. Solo, fate sparire i coltelli.




Lascia un commento