Burundi: arrestati giornalisti europei, intervistavano oppositori

Condividi!

Il corrispondente di Le Monde in Africa Jean-Philippe Rémy e il fotografo inglese Philip Moore sono stati arrestati ieri, giovedì, a Bujumbura, Burundi, mentre intervistavano alcuni oppositori al governo. Erano arrivati separatamente in Burundi, il 19 e 21 gennaio, per indagare sulla crisi politica che sta lacerando il paese dalla primavera 2015. L’annuncio del loro arresto, con quindici altre persone, è stato trasmesso dalla Radio Televisione Nazionale del Burundi (RTNB) e confermato ufficialmente su Twitter dal consulente media e comunicazione della presidenza, Willy Nyamitwe.

Secondo la dichiarazione del Ministero della Pubblica Sicurezza, “un mortaio, un kalashnikov e pistole sono stati sequestrati durante l’operazione di polizia nel distretto di Nyakabiga. E’ la prima volta che degli stranieri sono sorpresi nel bel mezzo di criminali”, ha aggiunto il vice portavoce della polizia Mosè Nkurunziza su RTNB. In Italia siamo molto vicini a questo sviluppo, per ora, se dissenti, ti denunciano. O usano i propri lacchè camuffati da blogger per farlo.




Lascia un commento