Mattarella vuole più censura su Internet

Condividi!

“C’è una tendenza crescente all’odio, ad atteggiamenti di oscurantismo violento e armato che provoca vittime: è una vera emergenza che si deve combattere”: lo ha detto il presidente Serio Mattarella sottolineando al Quirinale che tutti devono “impegnarsi a combattere questo virus che porta ad aggredire basandosi sulla convinzione della superiorità dell’uno sull’altro”.
“Auschwitz ci ricorda di quali orrori può essere capace l’uomo”: e non bisogna sottovalutare che anche oggi “teorie aberranti, odio e fanatismo spargono sangue innocente in tante parti del mondo”. Lo ha detto il presidente Mattarella sottolineando al Quirinale la pericolosità di “altri tipi micidiali di razzismo, di discriminazione, di intolleranza che si diffondono attraverso il web”.

A gente come Mattarello interessa nulla di Auschwitz, se non come mezzo per comprimere le libertà attuali facendo improbabili parallelismi. Dell’olocausto hanno fatto un lucroso business della memoria con il quale flagellano le popolazioni europee assimilando le vittime di allora agli invasori di oggi.

“E’ un’illusione alzare i muri e ricercare negli stati nazionali una inverosimile sovranità perduta; i nazionalismi generano diffidenza, rivalità e ostilità”. E questa è “un china pericolosa che abbiamo vissuto nel ’900″, ha poi concluso.

E anche qui si dimostra in-abile disinformatore. In realtà il ‘900 è stato il secolo degli imperialisti. Il nazionalista vero non vuole assoggettare altri popoli, non gli interessano. L’Unione Europea, altro non è che l’ennesima incarnazione del tentativo di schiacciare le nazioni sotto il tallone delle élites: Napoleone, Hitler, Stalin. Oggi l’Euro.




Lascia un commento