“Mi hanno affiancata con l’auto, trascinata dentro e stuprata”

Condividi!

La ragazza italiana vittima di uno stupro di gruppo da parte di alcuni africani, vicenda della quale Vox ha parlato prima di tutti gli altri media:  ITALIANA STUPRATA DA AFRICANI A MESTRE: FORZA NUOVA ALLE 19 PRESIDIA ZONA STAZIONE

 

Ha trovato il coraggio di denunciare: “Mi hanno affiancato con l’auto, trascinata dentro e portata in un luogo appartato, dove sono stata stuprata”.  Il tutto accaduto venerdì alle 15 e 30 in via Piave, zona stazione di Mestre.

Quello che NON sorprende è che i giornali locali abbiano taciuta la notizia fino a questa mattina. Quando Vox l’ha pubblicata domenica scorsa.

Sì, perché la giovane ragazza veneziana la denuncia l’ha fatta immediatamente, venerdì scorso in ospedale, dove si era presentata per le cure accompagnata dai familiari.

A parti invertite – impossibile ma fantastichiamo – i media di distrazione di massa avrebbero lanciato la grancassa. Stuprata quindi due volte: dagli africani, e dall’indifferenza dei media locali.

VENEZIA: CENTRI SOCIALI ASSALTANO PRESIDIO ANTI-STUPRO ARMATI DI MAZZE, FERITI

 

Questo il racconto dei presenti:

Arrivati presso la stazione di Mestre, e in attesa di altri militanti e cittadini aderenti a comitati vari, vengono fatti oggetto di una vile quanto violenta aggressione da parte di 40 energumeni dei centri sociali che, incappucciati e armati di mazze e spranghe, lanciano pietre e bottiglie ai militanti forzanovisti disarmati, gettando a terra nella loro folle corsa, turisti, bambini, e chiunque si trovasse nella loro traiettoria; colpita da una bottigliata alla schiena la portavoce del Comitato Sos Mestre, presente per partecipare anch’essa al presidio aperto a tutti i cittadini, poichè la solidarietà ad uno stupro non ha colore politico. Poi, dal lancio di oggetti si è passati ad un vero e proprio pestaggio del piccolo gruppo di avventori, tra il traffico ed il caos, sempre nella più vigliacca delle proporzioni.
Quattro persone ferite, di cui una seriamente, questo l’esito della violentissima aggressione di questa feccia che vive impunita da anni tra connivenze e coperture ad ogni livello.




Lascia un commento