Il Sindaco che compra casa dalla ‘ndrangheta, e non lo sapeva…

Condividi!

REGGIO EMILIA – Il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, erede di Delrio, andato a dare danni a Roma, vive in una casa acquistata nel 2012 da una persona arrestata l’anno scorso dell’operazione Aemilia sulle infiltrazioni della ‘Ndrangheta nella politica. Il caso!

La compravendita fu fatta, molto opportunamente, dalla moglie di Vecchi, Maria Sergio, ex dirigente del Comune reggiano, con atto notarile del 17 maggio 2012. L’immobile fu acquistato dalla M&F General Service srl, con amministratore unico e legale rappresentante alla compravendita Francesco Macrì, finito tre anni dopo, il 28 gennaio 2015, ai domiciliari.

“Non lo sapevo – dice ovviamente Vecchi-. Ho fatto tutti i controlli possibili prima dell’acquisto”. Ha fatto tutti i controlli. Ieri la vicenda del sindaco di Brescello, che ha ‘aperto’ all’ipotesi di dimissioni, ma ancora non si è dimesso, dopo la conclusione della relazione della Commissione d’Accesso nata per verificare rischi di condizionamento mafioso nel comune di Peppone e don Camillo, oggi la ‘casa’ a Reggio Emilia.




Lascia un commento