Mafia Capitale è tornata: beni sequestrati affidati a Legacoop

Condividi!

La Legacoop del ministro Poletti (è il suo ex presidente) gestirà i beni sequestrati di Mafia Capitale, compresi quelli di Buzzi, presidente della coop ’29 Giugno’, associata a Legacoop.

Renzi-Poletti-lavoro-istat

E’ la strabiliante decisione del presidente del Tribunale di Roma, Mario Bresciano. Che il 17 dicembre scorso, lontano dai riflettori, ha firmato un protocollo d’intesa con la Lega nazionale delle cooperative e mutue. Undici giorni prima di andare in pensione.

poletti

«Lagacoop si impegna a fornire servizi e altri interventi finalizzati alla nascita, allo sviluppo e all’integrazione di iniziative imprenditoriali in forma di società cooperativa, costituita allo scopo di gestire beni e patrimonio aziendali sequetrati/confiscati alla criminalità», si legge nel protocollo di cinque pagine. L’accordo avrà una durata sperimentale di 3 anni, con la possibilità di proroga e con la facoltà di recesso in caso di violazione degli obblighi. Tra questi obblighi vi è il vincolo che i responsabili delle cooperative che faranno capo a Legacoop siano «immuni da precedenti e pendenze penali per delitto».

Non si fa cenno nel documento del coinvolgimento né della Prefettura di Roma, né dell’Anbsc (Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati) e neanche dell’ordine dei dottori commercialisti dal quale provengono spesso gli amministratori giudiziari. Proprio a questi ultimi il giudice delegato affida, di norma, la gestione dei beni, nel rispetto delle prerogative dell’autorità giudiziaria e dell’Anbsc.

Questa volta no. Questa volta, Mafia Capitale si reincarna.




Lascia un commento