Consigliere esulta: archiviata denuncia per “discriminazione razziale” presentata da Sinti

Condividi!

De Marchi 1 – Nomadi 0, annota il consigliere dell’omonima lista civica identitaria. Il riferimento è alla vicenda processuale di Dario Zani, indagato per le solite “diffamazione, discriminazione e istigazione all’odio razziale”, dopo la querela presentata dalla celeberrima associazione Sucar Drom e da dieci zingari.

«I sedicenti discriminati hanno dimostrato un accanimento senza precedenti verso esponenti della lista de Marchi – denuncia il consigliere – accanimento che è tornato loro contro e che si è tramutato in un sonoro schiaffo alle loro temerarie istanze, riconosciute completamente infondate dal Tribunale».

Infatti «il giudice per le indagini preliminari non solo ha ravvisato l’inammissibilità dell’opposizione alla richiesta di archiviazione ma ha sottolineato con forza l’illegittimità della querela proposta per mancanza della qualità di “persona offesa” in capo ai querelanti/opponenti».

«La decisione dà a tutti noi una nuova linfa che ci permetterà di affrontare le battaglie del 2016 con più passione, forza e determinazione, forti della consapevolezza di essere dalla parte della ragione. Dario, pur lavorando nell’ombra, è un combattente e insieme continueremo nelle nostre battaglie per il bene esclusivo di Mantova e dei Mantovani; Sucar Drom, buonisti e politici compiacenti si rassegnino, non ci fermeranno mai».




Lascia un commento