Capodanno multietnico: stupri di massa anche a Helsinki

Condividi!

Anche a Helsinki molte aggressioni sessuali la sera di Capodanno. I profughi hanno portato le loro abitudini sessuali anche in Finlandia.

“Questo tipo di aggressioni non si è verificato prima di Capodanno o in altre occasioni, è un fenomeno completamente nuovo a Helsinki”, ha affermato il vicecapo della polizia locale, Ilkka Koskimaki.

Le guardie impegnate nel pattugliamento della città a Capodanno hanno riportato “aggressioni sessuali diffuse” nella piazza centrale, dove si erano radunate circa 20.000 persone per i festeggiamenti.

Tre violenze sessuali sono avvenute alla stazione centrale, dove si erano radunate circa mille persone, in grande maggioranza iracheni.

“La polizia ha ricevuto informazioni di tre casi di aggressioni sessuali, due delle quali sono state denunciate”, si legge in un comunicato della polizia di Helsinki.
“I sospetti erano richiedenti asilo e i tre sono stati arrestati”, ha aggiunto Koskimaki. “Prima di Capodanno la polizia ha ricevuto alcune soffiate secondo le quali richiedenti asilo avrebbero potuto attuare piani simili a quelli di Colonia”, si legge nel comunicato. A tal proposito, nei giorni precedenti il capodanno la polizia aveva arrestato sei iracheni nel centro di accoglienza di Kirkkonummi, 30 chilometri a ovest di Helsinki, sospettati di “istigazione pubblica a comportamenti criminali”, e rilasciati il 2 gennaio

Iracheni e siriani islamici. La crème traghettata in Europa da Tsipras, Renzi e Medici Senza Frontiere.




Lascia un commento