Stupri etnici di massa in Germania: donne in strada contro Merkel

Condividi!

Donne e patrioti in strada a Colonia, dopo gli stupri etnici di massa a Capodanno. Nel mirino la folle politica di accoglienza di Merkel, la paladina dei sedicenti profughi:

colonia

colonia2

Il centro di Colonia è stato trasformato in una zona di guerra la sera di Capodanno. Con gli occupanti che hanno libertà di stupro.

Ragazzine e donne costrette a passare da una sorta di ‘corridoio delle molestie’ dove venivano palpate e alcune violentate dai migranti.

Oltre 1.000 stranieri, tra profughi e migranti, hanno celebrato il nuovo anno con il lancio di fuochi d’artificio sulla folla e aggressioni sessuali contro ragazze e donne tedesche rimaste intrappolate nel caos.

I dettagli sordidi delle aggressioni sessuali orribili e le violenze contro i cittadini tedeschi da parte di bande di immigrati a Colonia nelle prime ore di Venerdì mattina stanno emergendo solo nelle ultime ore.

e55c4c9e383916ee4288db86fd3250c9

Decine di donne hanno denunciato di essere state molestate e “violentate”, mentre decine di uomini sono stati aggrediti e derubati. Una vittima, di 28 anni ‘Katja L’ ha parlato del suo calvario ai media, mentre cercava di farsi strada oltre la sala d’attesa della stazione ferroviaria di Colonia con altre due ragazze e un ragazzo nelle prime ore del nuovo anno.

Ha detto a Der Express – uno dei più grandi quotidiani regionali: “Quando siamo usciti dalla stazione, c’erano solo giovani uomini stranieri”. Regalo di Merkel.
“Abbiamo camminato attraverso questo gruppo di uomini. Improvvisamente ho sentito una mano sulle mie natiche, poi sul mio seno, alla fine, mi stavano palpando ovunque. E’ stato un incubo. Anche se abbiamo gridato e reagito, gli immigrati non si fermavano. Ero disperata e credo di essere stata toccato circa 100 volte nei 200 metri percorsi.
“Per fortuna avevo indossato una giacca e pantaloni. Una gonna probabilmente sarebbe stata strappata via e non so cosa sarebbe successo”.

Altri testimoni hanno raccontato storie simili, di molestie da parte di immigrati che ridevano e tiravano i capelli, e gridavano di fare sesso in modo volgare, urlando alle ragazze “troie”.

merkel

Una donna ha avuto le sue calze e la biancheria intima strappate dalla folla di immigrati, e una fonte della polizia citata ha detto che ci sono stati “stupri” alla stazione quella notte. Fino ad ora, la polizia ha identificato 80 vittime delle bande. Altri sono stati aggrediti o derubati. I funzionari sospettano siano molti di più.

Una conferenza stampa del capo della polizia Wolfgang Albers ieri pomeriggio ha confermato che gli attacchi sono stati perpetrati dai migranti, tutti con regolari permessi di soggiorno per profughi o immigrazione.
Albers ha detto che “i crimini sono stati commessi da un gruppo di persone che per lo più provengono da paesi del Nord Africa e arabi”, e che ha trovato la situazione “intollerabile”. Ma pensa, chi se lo sarebbe mai aspettato.

refugees

Oltre agli attacchi sessuali, ci sono state diverse risse tra bande di immigrati presso la stazione ferroviaria, e un gran numero di fuochi d’artificio sono stati sparati tra la folla e contro la polizia.
Un testimone ha detto: “Io e la mia ragazza avevamo così paura! Siamo fuggiti dalla stazione”.

Nonostante le decine di uomini e donne aggrediti, l’area monitorata da telecamere a circuito chiuso, e migliaia di potenziali sospetti, la polizia di Colonia ha arrestato solo cinque immigrati in relazione agli attacchi.

Il sindacato di polizia di Colonia ha detto riguardo gli incidenti: “Si tratta di una dimensione completamente nuova di violenza. Questo è qualcosa che non abbiamo mai conosciuto”.




Lascia un commento