Renzi, Grillo e Verdini si spartiscono la Consulta: eletti tre giovani

Condividi!

Ha retto l’inciucio tra Pd, M5S e per l’elezione dei membri mancanti della Consulta. Il Parlamento in seduta comune ha eletto, alla trentaduesima votazione, i tre parrucconi costituzionali: Augusto Barbera ha ottenuto 581 voti, Franco Modugno 609 voti e Giulio Prosperetti 585 voti. Il quorum era di 571 voti. I parlamentari di Fi, Lega e Fdi non hanno preso parte alle votazioni.

“Due volte s’è ricorso al metodo 5 stelle e due volte si è raggiunto l’obiettivo mentre negli altri 30 casi, in cui il M5s non è stato coinvolto, sono stati soltanto buttati via i soldi dei cittadini. Ancora una volta, vince il metodo 5 stelle che ha portato a termine la missione di eleggere alla Consulta personaggi di alto profilo giuridico che sapranno giudicare bene le leggi nel solo interesse ultimo del rispetto della Costituzione”. Così i gruppi parlamentari di Camera e Senato del M5s.

Un movimento anti-sistema dovrebbe bloccare la Corte Costituzionale. Sia per le sentenze in difesa dell’oligarchia, sia perché è in se stessa la negazione della democrazia.

Potranno anche questi tre andare a riscuotere lo stipendio:  SCANDALO CORTE COSTITUZIONALE: 1.400 EURO AL GIORNO DI STIPENDIO PER I GIUDICI DELLA CONSULTA

 




Lascia un commento