Aperta camera ardente Valeria Solesin: vittima dell’integrazione

Condividi!

Venezia – E’ aperta poco dopo le 10 la camera ardente di Valeria Solesin, la giovane veneziana vittima di profughi e immigrati di seconda generazione, durante gli attentati di Parigi del 13 novembre.

La salma e’ arrivata a Ca’ Farsetti, sede del Comune, poco prima delle 10 ed e’ stata accolta dal sindaco Luigi Brugnaro. Gia’ decine le persone che si sono recate a portare l’ultimo saluto alla giovane.

La camera ardente sara’ aperta fino a domani, prima delle esequie di martedi’ a cui potrebbe partecipare, senza vergogna, il presidente abusivo e fanatico dell’accoglienza, Sergio Mattarella.




Lascia un commento