Serbia: trovato altro ‘migrante’ con documento del kamikaze

Condividi!

BELGRADO – Le autorità serbe hanno arrestato un sedicenti profugo al centro di Presevo, nel sud, al confine con la Macedonia, in possesso di un passaporto identico a quello trovato allo Stade de France “accanto a uno dei profughi kamikaze”. Lo riferisce il giornale locale Blic.

L’unica difformità tra i documenti è la foto. I documenti sono stati stati acquistati durante il transito per la Turchia.

C’è un prospero mercato clandestino: gli acquirenti sono soprattutto clandestini o, come nel caso del kamikaze, terroristi.

Ergo: tutti i sedicenti profughi siriani sono o clandestini o terroristi con passaporti falsi. Grazie Merkel, Renzi e Tsipras.




Lascia un commento