il diario di Anna e Otto Frank

Condividi!

Dovrà ‘cambiare’ titolo, il famoso Diario di Anna Frank

La Fondazione svizzera intitolata ad Anna Frank, che gestisce i diritti del Diario eponimo, ha decretato il padre di Anna, Otto Frank, co-autore del famoso libro.

Fino era ufficialmente considerato solo il suo curatore.

Questo significa che il copyright sul libro, gestito dalla fondazione, sarà esteso fino al 2050.

Le leggi europee in materia di proprietà intellettuale sui libri (in Italia la legge è la 633 del 1944) stabiliscono che il copyright si estende per 70 anni dopo la morte dell’autore. Anna Frank morì ufficialmente a Bergen-Belsen nel 1945, mentre il padre, Otto, mor’ ben 35 anni dopo, nel 1980: il copyright sarà così esteso fino al 2050.

Negli Stati Uniti il copyright sarebbe comunque scaduto nel 2047, perché la legislazione americana prevede 95 anni dalla prima pubblicazione dell’opera, avvenuta nel 1952.

L’estinzione del copyiright avrebbe permesso a chiunque di pubblicare liberamente il libro o girare un film sulla storia
senza pagare royalities o chiedere il permesso a chi deteneva i diritti.




Lascia un commento