Agghiacciante: passa davanti hotel profughi, ragazza stuprata da 3 immigrati diversi in un’ora

Condividi!

IL PERCORSO VERSO CASA E’ ORMAI ZONA DI GUERRA, NELLE CITTA’ DOVE CI SONO CENTRI PROFUGHI

LA VICENDA PUBBLICATA DAI GIORNALI LOCALI SVEDESI, E CHE ANDIAMO A RACCONTARE E’ TALMENTE ASSURDA CHE A LEGGERLA SEMBRA INVENTATA, MA L’EUROPA DEL 2015 E’ LA TERRA DELLE ASSURDITA’

La donna è stata violentata due volte da due diversi profughi a Strängnäs, nel giro di un’ora.

I due richiedenti asilo arabi sono stati incriminati per i crimini, vivevano al Bert Karlsson hotel di Mälarblick.

I due uomini sono un 39enne dall’Algeria e un 31enne dalla Siria.

La sera del 23 agosto scorso, quando la vittima, dopo una serata fuori si è incamminata verso casa, poco dopo le 2:00, è stata raggiunta da uno dei due immigrati che l’ha trascinata nei cespugli e violentata.

Una volta ‘soddisfatto’, l’immigrato se n’è andato e la ragazza è corsa verso casa. Incredibilmente, dopo avere percorso una breve distanza dal luogo del primo stupro, è stata di nuovo assalita, da un altro profugo, che l’ha violentata.

Sembra una barzelletta di cattivo gusto, è l’Europa del 2015.

Il secondo stupro, commesso dal siriano di 31 anni, in collaborazione con un immigrato non identificato, è stato brutale. La donna è stata tenuta ferma e violentata a turno dai due. Ha subito anche lo stupro anale e, al termine della violenza, prima di andarsene, i due le hanno anche sputato in faccia.

Entrambi due arabi (il terzo è ignoto) vivevano in una struttura per richiedenti asilo del Bert Karlsson hotel di Mälarblick, e gli stupri hanno avuto luogo nelle immediate vicinanze della struttura.

I due non si conoscevano. Il che rende la tempistica delle aggressioni ancora più sconvolgente: stuprata due volte da diversi profughi nel giro di pochi minuti. La giungla.

Il 31enne aveva anche tentato uno stupro poco prima, quella sera, contro una donna in un ristorante del centro città. E proprio nell’inseguire la ‘preda’ precedente, il profugo siriano decise di stuprare l’altra donna, che già stuprata dall’algerino correva verso casa.

Storie oltre i confini della realtà. L’Europa è stuprata ogni giorno da orde islamici. Serviamo le nostre figlie, madri, moglie, fidanzate e amiche alle loro voglie.

Abbattere questo sistema nichilista è un obbligo.




Lascia un commento