Il bimbo profugo che piange è un bufala: guarda che succede prima – VIDEO

Condividi!

Ora vi mostriamo come i media di distrazione di massa creano le notizie, per manipolare l’opinione pubblica europea, e favorire, così, l’invasione in corso.

Mezzo ideale di questa manipolazione, ne abbiamo parlato spesso, sono i bambini.

Dopo la bufala di bimbo e mamma assaliti dai poliziotti e gettati su un binario, vi sveliamo una bufala simile, ma molto più organizzata. Un vero e proprio set cinematografico.

Questa foto è stata, come usano dire, virale. Ha ‘commosso’ le solite vedove affrante dell’immigrazione:

PROFUGOBUFALA1

Un bambino zuppo di pioggia e disperato, c’hanno detto, che i cattivi europei non volevano fare entrare.

In realtà, il video in nostro possesso, mostra una realtà ben diversa.

Il bambino viene preventivamente bagnato e istruito a piangere disperato.

La fotografa gli urla “JOB! JOB! JOB!”: FAI IL TUO LAVORO!

E lui, notate lo sguardo al rallenty. Poi scatta il ‘pianto’.

E non è l’unico caso di ‘bambino piangente’ mostrato a favore di macchina fotografica. La foto in alto – in testa all’articolo – sarà ‘protagonista’ di un altro articolo.

Non sapremo mai, se anche le immagini del piccolo morto sulla spiaggia turca furono, anche quelle, organizzate. Magari, un giorno spunterà un video. Perché sono pronti a tutto, pur di distruggere la nostra civiltà.

E il mezzo principe, è quello di indebolirla dall’interno, attraverso la manipolazione delle menti.




2 pensieri su “Il bimbo profugo che piange è un bufala: guarda che succede prima – VIDEO”

  1. Certamente cari signori ricorderete la fotografia di Aylat,steso con la faccia nella sabbia e privo di vita.La fotografia è arte,emozione,valore,sensazione,e giustamente è da annoverare nel campo delle arti visive.Ma la fotografia in se,oltre a trasmettere emozioni,ha anche un suo significato intrinseco,nascosto.E quel significato lo hanno ripreso i mezzi di distrazione di massa,in primis il Manifesto,uccidendolo di fatto due volte.La morte è rispetto.Anzi i manipolatori delle masse agendo sulle leve dell’inconscio hanno sbloccato i confini.E lo sanno fare bene.Altro che il Manifesto.Cialtroni.Luridi,bacialpile.Siate maledetti.Non abbiamo forse visto il “Wilkommen”degli austriaci sull’onda emotiva di Aylat nei riguardi degli immigrati?Con il casino cui fa seguito il blocco del Brennero e dei confini ad est dell’Austria dei giorni nostri?Interessante sarebbe capire i disegni perversi ed i personaggi che manovrano nell’ombra…..Chi cazzo sono questi bastardi?

I commenti sono chiusi.