Indottrinamento a scuola: arriva l’ora di ‘accoglienza profughi’

Condividi!

L’indottrinamento ‘migrante’ arriva a scuola. Non bastavano le lezioni di gender, ora arriva anche l’ora di ‘accoglienza’.

È il progetto, primo, ma temiamo non ultimo, in Italia, per far incontrare i sedicenti profughi e gli studenti genovesi.

E’ promosso dalla famigerata Comunità di Sant’Egidio in collaborazione con la Direzione Scolastica Regionale (Toti, ma che fai?) la fondazione Cultura di Palazzo Ducale e il ridicolo Ufficio Migrantes. Saranno coinvolte 13 scuole e 3000 studenti.

Venti i giovani maschi africani tra i 18 e i 25 anni che in questo anno scolastico indottrineranno gli studenti. A spese nostre.

“E’ un’esperienza nuova – millanta Rosaria Pagano, direttore scolastico della Liguria – per la prima volta si crea un contatto con giovani profughi che raccontano il loro dramma senza il filtro dei media e dei social network”. Soprattutto questi ultimi, dicono i promotori, “possono fornire una visione deformata del fenomeno”.

Certo, 20 clandestini invece, forniranno una visione altamente oggettiva del motivo per il quale vivono, da mesi, in Italia a spese dei contribuenti.

Gli incontri si terranno in orario scolastico, e avverranno con la regia di mediatori della Comunità di Sant’Egidio. Altra garanzia di oggettività.

Ragazzi: boicottate l’iniziativa.




3 pensieri su “Indottrinamento a scuola: arriva l’ora di ‘accoglienza profughi’”

  1. Pingback: Anonimo

Lascia un commento