“Ho sparato in casa”, magistrati lo perseguitano

Condividi!

Ignazio Sicignano, l’uomo indagato per essersi difeso da un ladro romeno, si è presentato mercoledì mattina in Procura accompagnato dal figlio e dal suo difensore, Antonella Pirro.

“Per ora preferisco non rilasciare dichiarazioni, ci sono indagini in corso”, ha spiegato ai cronisti al termine dell’interrogatorio, durato circa un’ora e mezza, nell’ufficio del pm Antonio Pastore. Di fronte al magistrato il 65enne ha raccontato la sua versione dei fatti: “Gli ho sparato dentro casa, lui era minaccioso e poi si è trascinato fuori sulle scale esterne ancora vivo”.

L’avvocato: “Il mio assistito ha raccontato di aver visto l’ombra di un uomo nella cucina della sua casa, e di avergli detto ‘cosa stai facendo’: a quel punto l’uomo invece di allontanarsi gli è venuto incontro come per aggredirlo e lui ha sparato”.

Se ti trovo in casa mia di notte, io ti sparo. Punto. E ti sparo anche se sei uscito.




Lascia un commento