Assessore PD e ‘prete’: “Occupare case italiani è un valore sociale”

Condividi!

BOLOGNA – La giunta comunale di Bologna è una delle peggiori d’Italia. Tra assessori che ‘inventano’ i campi nomadi fotovoltaici e, altri, che santificano le occupazioni abusive.

«Mi chiedo dove si collochi la giustizia oggi. Perché mi capita di pensare che chi cerca di fare giustizia, in realtà stia commettendo una grossa ingiustizia: spesso, chi cerca di risolvere un problema, in realtà lo crea».

Sono le parole del prete a tempo perso, don Giovanni Nicolini, parroco di Sant’Antonio da Padova alla Dozza, e molto vicino all’assessore bolognese. Qull’Amelia Frascaroli sotto processo per avere sposato un anziano morente ad una giovane immigrata.

Il ‘prete’ commentava i recenti episodi di occupazioni abusive in città, operati dai soliti centri sociali per dare ‘ospitalità’ quasi sempre agli immigrati.

Amelia Frascaroli, assessore comunale al welfare (di zingari e immigrati), ha dichiarato che le occupazioni creano valore sociale, Don Nicolini e’ d’accordo? «Io personalmente sono testimone di alcune realtà occupate che sposano in pieno questa tesi. Nelle strutture ci sono persone molto interessanti. E sa da un punto di vista legale non approvo, devo ammettere che queste iniziative forse danno vita una legalità superiore. Lì viene offerto aiuto, e questo è un fatto culturale, politico e spirituale».

Il parroco, che da poco e’ anche consulente del sindaco Merola sui profughi (poveri bolognesi).




Un pensiero su “Assessore PD e ‘prete’: “Occupare case italiani è un valore sociale””

Lascia un commento