Islamici costringono mamma ‘infedele’ a mangiare figlio di 3 anni – VIDEO

Condividi!

Mentre ‘nonna Europa’ accoglie i loro carnefici – giovani uomini islamici camuffati da profughi – i veri profughi soffrono le pene dell’inferno. In Siria e Iraq. Perché i veri profughi non possono partire.

Un membro della comunità Yazidi ha diffuso una storia raccapricciante: una madre catturata dallo Stato islamico è stata costretta a mangiare la carne del proprio bambino.

La donna ha raccontato l’atroce vicenda durante un’intervista al giornale Politico:

Vian Dakhil ha spiegato che fino a 2.200 donne e ragazze yazidi sono state rapite da ISIS e vengono utilizzate come schiave del sesso. Altri 420.000 yazidi vivono nei campi profughi, con migliaia di orfani che non hanno casa.

Le donne si suicidano a ‘centinaia’ per fuggire alle torture sessuali.

Dakhil ha raccontato: “Una delle madri mi chiama … ha detto ‘per due giorni ISIS non mi dà alcun cibo’ e mi ha separata dai miei figli. Uno di loro è di 3 anni e un altro è di 5 anni, dopo due giorni mi danno il riso con la carne. Mentre stavo mangiando, mi hanno detto ‘questo è tuo figlio di 3 anni’.. “.

“Lei mi dice per favore, non posso, non so cosa posso fare -. Sto mangiando mio figlio. Questo è quanto accaduto alle donne sotto controllo ISIS e non interessa a nessuno.”

Un’altra madre è stata costretta a guardare la sua bimba di 9 anni, mentre veniva violentata a morte.

Yazidi, cristiani e altre minoranze etniche stanno soffrendo sotto il tallone islamico. Ma stranamente non arrivano yazidi e cristiani come profughi.

Perché? Perché i ‘profughi’ li manda ISIS: per conquistarci.




Un pensiero su “Islamici costringono mamma ‘infedele’ a mangiare figlio di 3 anni – VIDEO”

Lascia un commento