AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Italiano vende rene per non perdere casa

Vox
Condividi!

Ormai sembriamo quasi un disco rotto, ma è la realtà a ripetere sempre se stessa. C’è ancora un italiano disperato, Antonio Parrinello, e ci sono ancora i finti profughi in hotel di lusso.

La moglie è malata e cardiopatica e non può muoversi da casa, ma il prossimo 8 ottobre, i due dovranno lasciare la sua abitazione di Marsala in provincia di Trapani, per l’entrata in possesso del nuovo proprietario che l’ha acquistata all’asta e vuole 80 mila euro.

Così Antonio Parrinello che non ha soldi, ha deciso di vendere un rene per salvare la sua abitazione. E sua moglie.

“Le banche mi hanno condannato a morte nonostante abbia onorato il mio debito nel lontano 1995 – afferma – e sono rimasto solo. Posso vivere benissimo senza un rene, ma non senza una casa”.

Vox

“La mia non è una provocazione tanto per dire, io sono disposto a dare un mio rene a chi mi aiuterà a salvare la mia abitazione. Sono disperato e sono disposto a tutto”.

La vicenda entra nel solito mondaccio delle aste giudiziare.

Come scrive un giornale locale, l’immobile, del valore di 340 mila euro, è stato infatti venduto all’asta per la ridicola cifra di 13mila euro. Una vendita che sarebbe dovuta essere bloccata dal giudice dell’esecuzione per eccessivo ribasso. Non l’ha fatto. Nessuno indaga sul perché.

Infatti con l’importo si coprirebbero solo le spese della procedura. Fra gli assurdi della vicenda si rileva che la banca procedente (il creditore principale, che ha avviato la procedura esecutiva) già dal lontano 1995 rilascia una ricevuta quale liberatoria che non vanta nessun credito nei confronti di Antonio. Ma il delegato continua comunque la vendita, stabilendo il pagamento del totale di aggiudicazione cioè del saldo prezzo, in un termine che non sarà rispettato e avrebbe fatto decadere l’assegnazione dell’immobile. Nessuno fra Giudice dell’esecuzione e delegato alla vendita ha mai sollevato dubbi sulla regolarità della procedura. Come può accadere che per un debito pagato nel 1995, venga comunque mantenuta attiva una procedura di vendita?
Al fianco di Parrinello si è schierato il Movimento dei Forconi: “Pronti a dare battaglia per sostenere Parrinello”.

Vicenda assurda.




Un pensiero su “Italiano vende rene per non perdere casa”

I commenti sono chiusi.