Napolitano: “Ungheresi nazisti”

Condividi!

Napolitano è lo stesso che aveva salutato con gioia i carri armati sovietici a Budapest. Poteva avere almeno il buongusto di stare zitto. L’incapace.

“Il futuro è l’Europa”. E’ il delirante messaggio lanciato dal noto incapace Giorgio Napolitano, che giovedì pomeriggio a Piacenza ha aperto l’ottava edizione del Festival del Diritto.

Napolitano, affiancato dal curatore scientifico della manifestazione, un altro parassita, Stefano Rodotà, ha parlato partendo dalla forte “caduta di consenso” che la stessa Europa oggi sta vivendo, sfociata in veri e propri “sentimenti di repulsione verso 50 anni di storia comune”.

“L’Europa – ha sottolineato – non è rimasta un semplice sogno e di pochi. Si sono costruite istituzioni, nuovi modi di vita oltre le vecchie frontiere, si è creata un’inedita unione bancaria. Non sta per crollare, come vorrebbe chi vuole tornare alle vecchie sovranità nazionali”.

Ricordiamo che Napolitano aveva giurato di difendere, come Presidente, la sovranità nazionale. Siamo in presenza di un traditore da perseguire penalmente.

Poi il riferimento ai clandestini: “Il senso e la moralità dell’essere europei si è giocato anche nell’accoglienza ai profughi. Si può tollerare che l’Ungheria, stato membro da 10 anni, adotti strumenti che ricordano il nazismo?”

Napolitano è lo stesso che aveva salutato con gioia i carri armati sovietici a Budapest. Poteva avere almeno il buongusto di stare zitto. L’incapace.

Si sa, lui che un tempo indicava l’Urss come esempio, non può che fare lo stesso, oggi, con l’Ue.




Un pensiero su “Napolitano: “Ungheresi nazisti””

  1. il “comunista del colle” deve stare solo zitto e ricordarsi del suo passato da fascista a comunista e poi a NWO. E’ un traditore del nostro paese, colpevole di aver attuato anche un golpe contro il legittimo presidente del consiglio. Dovrebbe essere solo processato per alto tradimento, condannato e quindi fucilato

Lascia un commento