Lo ‘scoop’ dei soldati russi in Ucraina è una bufala

Condividi!

MOSCA – E’ in realtà una bufala, il presunto “scoop” ripreso dal sito russo Delovaia Zhizn da Forbes, secondo cui Mosca avrebbe pagato 50.000 dollari alle famiglie di 2.000 soldati russi caduti nel Donbass e 25.000 a 3.200 militari rimasti invalidi. Dimostrando così la presenza di soldati russi direttamente impegnati in Ucraina.

Lo spiega Russia Today e lo conferma la redazione di Delovaia Zhizn: le righe “incriminate” e riprese da Forbes non sono state scritte dalla testata ma aggiunte da hacker.




Lascia un commento