Grillo chiede ‘piano Merkel’ per Africa: ecco perché sbaglia

Condividi!

“La migrazione biblica in corso non la fermeranno i carri armati, né i fili spinati o l’affondamento dei barconi. E’ obbligatorio dare a queste persone delle opportunità di vita nelle loro nazioni con investimenti mirati (sanità, infrastrutture, delocalizzazione di aziende produttive) con un nuovo Piano Marshall che potremmo attualizzare in “Piano Merkel” finanziato con una quota dei Pil nazionali da destinare all’Africa con una commissione di controllo”.

Lo scrive il blog di Beppe Grillo.

Per carità, il fine è nobile. Ma la ricetta è totalmente sbagliata: perché è quella che ha condotto all’attuale disastro.

Gli africani, che non fuggono da alcuna guerra, non vengono in Europa perché ‘poveri’, ma vengono perché abbastanza benestanti nei loro paesi, tanto da potersi permettere di pagare viaggi che li conducano – sperano loro – in un paradiso che hanno visto in tv.

Mettendoli in hotel, non si fa altro che moltiplicare il problema.

In Italia non arrivano i poveri africani, arrivano i figli delle classi medio alte di quei paesi.

Questo grafico è la spiegazione di quello che sta avvenendo nel Mediterraneo e la minaccia di quello che potrebbe accadere nei prossimi anni: un annientamento demografico dei popoli europei inondati di africani.

Ma questo avviene esattamente per ‘troppi aiuti’, per la valanga di soldi versati in Africa, non certo per il contrario.

Di questo dobbiamo ringraziare i vari ‘medici senza frontiere’ e i vari ‘operatori umanitari’:

demografia

La motivazione di questo delirio demografico africano è infatti semplice: troppi aiuti umanitari. Si, suona ‘cattivo’. Ma il risultato di questa propaganda che stuzzica i peggiori istinti umanitaristi:

E’ questo:

IMG_7560

Ovviamente, le previsioni descritte dal grafico in alto non si verificheranno.

Assisteremo invece a due esiti possibili: il tracollo demografico africano causato da epidemie o insostenibilità (perché quando saranno troppi non ci saranno abbastanza europei per mantenerli); oppure si riverseranno tutti qui. E sarà una devastazione di proporzioni inenarrabili, con echi solo nel crollo dell’Impero Romano. Ma peggiore: perché quelle erano popolazioni razzialmente simili, seppure culturalmente distanti. E’ stato catastrofico, ma rimediabile.

La soluzione è semplice: non un delirante ‘piano Merkel’, ma legare gli aiuti cosiddetti umanitari che stanno preparando la nostra distruzione demografica futura, ad una severa politica di controllo demografico. Dopo due figli sterilizzazione volontaria in cambio di aiuti. Non c’è alternativa.

Senza una politica di sterilizzazione volontaria, la frenesia sessuale africana che si manifesta in un nomadismo riproduttivo, porterà alla catastrofe: milioni di morti africani per epidemie e carestie, non appena anche gli aiuti saranno insufficienti (come spiegato in precedenza) o il genocidio etnico in Europa.

Per fare questo, dobbiamo rovesciare completamente non solo la politica, ma lo stesso pensiero dominante propagandato dai media di distrazione di massa: in Africa non si muore di fame. C’è il più alto numero di obesi nel mondo:

http://www.theguardian.com/society/2014/sep/21/obesity-africas-new-crisis

Obesity in Kenya

E, soprattutto, dobbiamo rovesciare il concetto razzista che sia nostra responsabilità: è loro responsabilità.

Si autogovernino, se sono in grado. Con gli onori e gli oneri che questo comprende.

 

Fonte: Identità.com




Lascia un commento