Altro profugo beccato a spacciare morte a giovani italiani

Condividi!

Ci risiamo. Un altro profugo che spaccia morte. Grazie a Renzi e Al Fano che continuano ad importare manovalanza low-cost per le mafie: è ovviamente solo un caso, che NCD, il partito di Al Fano, abbia il record di indagati per mafia in Parlamento.

PROFUGO

Questa volta siamo a Gallipoli. Le manette sono scattate ai polsi di Omar Kagne, 25enne nato in Gambia e domiciliato a Foggia presso il centro accoglienza per profughi di Borgo Mezzanone. Un hotel.

In Gambia non ci sono guerre, ma le mafie hanno bisogno di spacciatori e le coop di clienti, così Renzi li trasforma in ‘profughi’. Con l’aiuto mediatico del Vaticano, che ci fa i suoi bei soldi.

Ieri pomeriggio, intorno alle ore 17:50, sulla litoranea Gallipoli-Mancaversa, nei pressi dello svincolo per Baia Verde, il profugo stava spacciando droga ad un giovane, quando entrambi hanno cercato di dileguarsi appena hanno visto una pattuglia del Commissariato di Gallipoli.

Gli agenti sono riusciti a bloccare lo straniero che da un sommario controllo veniva trovato in possesso di una dose di droga occultata all’interno di un pacchetto di sigarette e della somma di 640 euro, suddivisa in banconote di vario taglio.

A quel punto l’africano veniva accompagnato in Ufficio per essere perquisito, e all’interno degli slip venivano trovati 5 dosi di “cocaina” per un peso complessivo di oltre 3 grammi; 13 dosi di marijuana nel pacchetto di sigarette per un peso complessivo lordo di 15 grammi; 10 dosi di “hashish” per un peso complessivo di 14 grammi .

Grazie Renzi. E i giovani italiani muoiono di overdose.




Un pensiero su “Altro profugo beccato a spacciare morte a giovani italiani”

Lascia un commento