Caritas: “Cittadini che non vogliono profughi sono mafiosi”

Condividi!

«Quanto accaduto a Frassinelle, con i danneggiamenti agli appartamenti di via Romana che potrebbero ospitare profughi, non può essere rubricato come vandalismo e, anzi, serve una risposta forte». Questo il commento della Caritas diocesana di Adria e Rovigo sui fatti di Frassinelle.

Infatti: non è vandalismo, è resistenza.

Intanto, oggi nuova manifestazione convocata dal Movimento spontaneo frassinellese (sostenuto da Forza Nuova) oggi alle 17.30 nella piazza della chiesa di San Bartolomeo apostolo.

Secondo i caritatevoli a 35 euro a profugo: «È un atto intimidatorio, è una di quelle cose che fanno le mafie, che facevano i fascisti e i loro cugini nazisti. Quando succedono queste cose deve percorrerci un brivido lungo la schiena, dobbiamo tutti aver paura. Se stiamo in silenzio, se lasciamo fare, se non diciamo un chiaro no a questi atti, se non li perseguiamo con la dovuta fermezza, chi lavora per la cooperativa che gestisce le accoglienza ha ragione ad aver paura, ogni profugo che esce per strada ha ragione ad aver paura».

Ti impongono la presenza di centinaia di clandestini africani sotto casa, e se ti opponi sei ‘nazista’. Che poi i protagonisti di Mafia Capitale – la Caritas c’è invischiata fino al collo – diano dei mafiosi a chi ‘danneggia’ edifici di affaristi, è spassoso.




Un pensiero su “Caritas: “Cittadini che non vogliono profughi sono mafiosi””

Lascia un commento